I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di più...Accetto

Esami frequenti

Calprotectina

L'infiammazione della parete intestinale si manifesta con sintomi come diarrea, dolore addominale, emissione di muco e sangue, crampi e tensione della parete addominale (da soli o combinati).

Gli esami utili nell'approccio a questo disturbo sono la ricerca di calprotectina e lattoferrina nelle feci sia eseguiti singolarmente che eseguiti assieme sullo stesso campione.

L'aumento della calprotectina fecale è indicativo di un processo infiammatorio che ne ha determinato la liberazione dal citoplasma dei globuli bianchi (neutrofili).

L'aumento della concentrazione della lattoferrina nelle feci è indicativa della presenza di globuli bianchi che la rilasciano nel corso di un processo infiammatorio causato da una infezione batterica o dall'azione di tossine.

Il risultato di questi esami consente al medico curante di inquadrare il disturbo ed avviare un appropriato percorso di approfondimento diagnostico e di terapia.

Per effettuare questi esami basta portare il campione di feci presso la sede di Ponterosso (d'Acunzo - Ambulatori e Prelievi in Ponterosso 6 a Trieste) dalle 7:30 alle 10:00 del mattino dal lunedì al venerdì. Le feci devono essere raccolte con il cucchiaino normalmente presente nei comuni contenitori acquistabili in farmacia in quantità pari ad una noce. In caso di consegna tardiva al laboratorio il campione può essere conservato in un luogo fresco (2-8 °C) per un massimo di 48 ore.

Per sapere quanto costa il dosaggio della calprotectina e della lattoferrina nelle feci, clicca qui.